Per chiusura estiva nostra e dei nostri fornitori i nuovi ordini saranno evasi a partire dal 26 agosto

Un bel dehor può trasformare un locale in un luogo di forte attrattiva. Tuttavia, non tutti i gestori possono creare uno spazio all’aperto perché la costruzione di un dehor necessita di specifici permessi e deve attenersi ad alcune regole.

Per dehor si intende l’insieme degli elementi mobili e facilmente rimovibili, posti sullo spazio pubblico esterno – spesso terrazze o giardini – che viene adibito al ristoro all’aperto.
Soprattutto i dehors permanenti, utilizzabili tutto l’anno, possono rappresentare importanti fonti di business aggiuntivo per i locali.

Prima di pensare a come realizzare un dehor, però, è opportuno fare alcune verifiche.

Le normative per dehor per bar non sono nazionali: ogni Comune ha le proprie regole, che fanno riferimento all’ampiezza e posizione del locale. In generale l’ampliamento esterno deve sottostare a vincoli architettonici, dimensionali e di fruizione.

Gli elementi principali da considerare sono quattro: pavimentazione, pareti laterali, apparecchiature per l’illuminazione, il riscaldamento e il raffrescamento, tavoli e sedie.
La pavimentazione può essere sopraelevata o “galleggiante”, composta da una struttura da posare a terra e da elementi superiori calpestabili. Le pareti laterali possono essere fisse o scorrevoli, basse o alte e direttamente collegate alla copertura.

Per prima cosa occorre valutare se lo spazio a disposizione è sufficiente per creare un ambiente fruibile, dopodichè bisogna presentare la domanda di concessione, da indirizzare al Dirigente del Settore o al Direttore di Circoscrizione del proprio Comune, che rilascerà o meno la concessione all’occupazione del suolo pubblico.

La domanda va corredata da un’ampia documentazione che deve comprendere, tra l’altro, planimetrie, relazioni tecniche, depliant illustrativi di elementi e arredi, documentazione fotografica dell’edificio e dell’intorno, consenso scritto della proprietà o dell’esercente, eventuale nulla osta della Soprintendenza per i Beni Architettonici, qualora si tratti di edifici vincolati. I termini di rilascio della concessione, dalla presentazione della domanda, sono di 45 giorni e la concessione ha solitamente una durata di 5 anni.

Un consiglio “prezioso” è quello di affidarsi a una società di servizi in grado di redigere la documentazione e seguire le pratiche, per risparmiare tempo e fatica.

Noi di COVER THE TOP progettiamo e produciamo strutture su misura realizzate con materiali Made in Italy in carpenteria metallica o in legno lamellare, per dehors per bar personalizzati.

Contattaci senza impegno per ricevere un preventivo gratuito!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *